Comune di Frosinone

Solidiamo

giovedì 19 ottobre, 10:56 am
Città di Frosinone - canale segnalazioni Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Seguici su google plus Entra nel nostro canale YouTube
Come fare per
Home » Come fare per » lettura Aree Tematiche - Come fare per
Freccia Chiara
Solidiamo

solidiamo

Progetto Solidiamo: sabato 300 borse di studio e 800 premiati

Sabato 24 Settembre, a partire dalle ore 10:00, presso la Villa Comunale, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani conferirà borse di studio e premi agli studenti delle scuole medie inferiori e superiori del capoluogo.

L'iniziativa è nata nel 2013 grazie al progetto "Solidiamo", che prevede la decurtazione del 50% delle indennità delle cariche politiche (sindaco, assessori e consiglieri comunali) da investire in un fondo sociale, denominato "Solidiamo" per i giovani e gli anziani della città.

I criteri per l'attribuzione dei premi, destinati esclusivamente agli studenti residenti nel Comune di Frosinone, in quanto sono proprio gli amministratori del capoluogo ad aver rinunciato alla metà dei gettoni di presenza, riguardano prioritariamente il merito scolastico e, in secondo luogo, la situazione reddituale delle famiglie.

L'importo delle borse è stato inoltre attribuito alle diverse scuole in base al numero degli studenti iscritti.

 

Questa Amministrazione comunale, fin dal proprio insediamento, ha dato corpo al progetto ‘’Solidiamo’’, che prevede il taglio del 50% delle indennità di funzione di Sindaco, Assessori e Presidente del Consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei Consiglieri comunali, accantonando i soldi risparmiati in un fondo speciale denominato ‘’Solidiamo’’, per finanziare progetti di natura sociale rivolti agli anziani ed ai giovani della nostra Città meno fortunati.
All’interno di ‘’Solidiamo’’ è stato definito il progetto ‘’FormAzione’’, con il quale saranno erogate, a favore dei ragazzi della nostra Città, circa 280 Borse di Studio all’anno.

icona Borse di Studio - Istituti Superiori

icona Borse di Studio - Istituti Comprensivi

icona Modello di Autocertificazione sul Reddito

 

 


27/09/2014: Consegante le Borse di Studio

Consegnate questa mattina nella Villa comunale le borse di studio agli studenti meritevoli, finanziate con i fondi del progetto "Solidiamo". Nella splendida cornice della Villa comunale, alla presenza di oltre 2.000 persone tra studenti, familiari, docenti e cittadini, circa 300 giovani frusinati, scelti tra i più meritevoli in base al rendimento scolastico, hanno ricevuto il riconoscimento.

Si tratta di ben 312 borse di studio di cui 56 da 500 euro per gli studenti universitari, 115 borse di studio da 200 euro per i frequentanti le scuole medie inferiori e 131 borse di studio per alunni di scuola media superiore da 300 euro, per un investimento complessivo di circa 90.000 euro sulla cultura e sull'istruzione per i giovani della città di Frosinone. Inoltre, i ragazzi comunque meritevoli, ma che non hanno percepito il contributo economico, hanno avuto, per i frequentanti le scuole superiore, l’omaggio di 200 abbonamenti per le gare interne del Frosinone Calcio e 85 miniabbonamenti, per 5 ingressi pomeridiani, al Multisala Nestor; mentre per i frequentanti le scuole medie inferiori l’omaggio di 404 miniabbonamenti, per 5 ingressi pomeridiani, al Multisala Nestor.

Gli studenti, sono stati selezionati tra i più meritevoli in base al rendimento scolastico.

Le borse di studio, come è noto, sono finanziate con le somme provenienti dal taglio del 50% delle indennità di sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali.

"Senza timore di smentita, possiamo dire che il 27 settembre 2014 è una data storica per Frosinone. Il progetto "Solidiamo" – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani – è stato concepito per rafforzare il valore della solidarietà, aiutando chi si trova in condizioni disagiate e dando uno speciale sostegno alle famiglie, in particolare a quelle numerose, che spesso si trovano a dover affrontare diverse difficoltà, rese talvolta più acute dalla mancanza o dall'insufficienza del lavoro, e vuole contribuire a costruire una società solidale, fondata sulla coesione sociale, che abbia a cuore il futuro delle nuove generazioni. La circostanza, poi, che le borse di studio siano finanziate con il taglio volontario del 50% sulle indennità degli amministratori pubblici comunali è un segnale importante in questo senso.

Con il progetto "FormAzione" (la parte di Solidiamo rivolta ai giovani) l'Amministrazione comunale compie un importante investimento sulla cultura e su quella che sarà la propria classe dirigente del domani".

 

 

Questa Amministrazione comunale, fin dal proprio insediamento, ha dato corpo al progetto “Solidiamo”, che prevede il taglio del 50% delle indennità di funzione di Sindaco, Assessori e Presidente del Consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei Consiglieri comunali, accantonando i soldi risparmiati in un fondo speciale denominato “Solidiamo” per finanziare progetti di natura sociale rivolti agli anziani ed ai giovani della nostra Città meno fortunati.

All’interno di “Solidiamo” è stato definito il progetto “FormAzione” con il quale saranno erogate, a favore dei ragazzi della nostra Città, circa 280 Borse di Studio all’anno.

icona Borse di Studio - Istituti Superiori

icona Borse di Studio - Istituti Comprensivi

icona Modello di Autocertificazione sul Reddito


 

“Solidiamo”: il progetto diventa realtà

Il Comune di Frosinone, grazie alla volontà e all’impegno dell’amministrazione Ottaviani, è il primo ente locale in Italia, e soprattutto il primo capoluogo, ad avere avviato un’azione concreta di riduzione dei costi della politica. Fin dal giorno seguente al proprio insediamento, infatti, la Giunta guidata dal Sindaco Nicola Ottaviani ha dato corpo al progetto “Solidiamo”, annunciato e presentato durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative del 2012, che prevedeva il taglio del 50% degli stipendi dei politici comunali (sindaco e assessori in primis) e l’accantonamento dei soldi risparmiati in un fondo speciale, denominato appunto “Solidiamo” per finanziare progetti di natura sociale. All’esito dell’iter procedurale, culminato con le deliberazioni di Giunta e di Consiglio Comunale del settembre 2012, si è proceduto al taglio ufficiale del 50% delle indennità di sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali. Un atto concreto, tangibile con cui si è dato seguito a quanto già annunciato in campagna elettorale. L’amministrazione Ottaviani ha voluto dare un segnale forte ai politici di professione che intendono la politica come fonte di reddito, anziché come volontariato sociale o come missione civica.

Il progetto “Solidiamo” vuole rafforzare il valore della solidarietà, aiutando chi si trova in condizioni disagiate e dando uno speciale sostegno alle famiglie, in particolare a quelle numerose, che spesso si trovano a dover affrontare diverse difficoltà, rese talvolta più acute dalla mancanza o dall’insufficienza del lavoro, e vuole contribuire a costruire una società solidale che abbia a cuore il futuro delle nuove generazioni.

Il fondo, alimentato per cinque anni di consiliatura, finanzierà due distinte proposte, denominate “Progetto Anchise” e progetto “FormAzione”, al fine di sostenere la realtà degli anziani e quella dei giovani studenti del capoluogo, creando una favorevole interazione nei due rispettivi ambiti.

Ogni anno, grazie al progetto Solidiamo possono essere accantonati circa 160.000 euro (quasi 820.000 euro nella proiezione sul quinquennio della consiliatura) risparmiati sulle indennità di sindaco, assessori, presidente del consiglio comunale e sui gettoni di presenza dei consiglieri comunali, destinando i soldi del fondo “Solidiamo” alle attività sociali, per anziani e giovani del capoluogo.

“Oggi si perfeziona un percorso iniziato già durante la campagna elettorale – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani – quando avevamo assunto l’impegno di dimezzare gli stipendi e le indennità dei politici, destinando il ricavato a progetti in favore degli anziani e dei giovani del nostro capoluogo. La somma di 150mila euro all’anno investita a favore di queste due categorie non risolve certamente tutte le problematiche dei giovani e degli anziani, ma costituisce sicuramente un buon inizio per riavvicinare la gente alle istituzioni, voltando pagina con la concezione della politica intesa come professione o addirittura fonte di reddito”.

“Con l’iniziativa odierna si passa dalla fase progettuale a quella operativa – ha spiegato l’assessore ai Servizi Sociali Carlo Gagliardi – il progetto “Solidiamo” e nella fattispecie la parte riguardante gli anziani, denominata “Anchise”, inizia a produrre i suoi frutti. Investire denaro pubblico inizialmente destinato ai politici per iniziative di carattere sociale è quanto di meglio si possa mettere in campo in un momento così delicato per la situazione economica del Paese. Come è ben noto quando ci si trova in situazioni di crisi a risentirne per primi e in misura maggiore sono proprio le categorie sociali più deboli. E tutti sappiamo quanto difficile sia per l’universo dei pensionati sbarcare il lunario, per cui l’iniziativa dell’amministrazione Ottaviani assume a maggiore ragione oggi una valenza notevole. Il grado di civiltà di un Paese si esprime in particolar modo proprio per il modo in cui si tengono in considerazione gli anziani, depositari di saggezza, esperienza e valori, per cui sono fermamente convinto che “Anchise” porterà di certo a Frosinone sollievo a quello straordinario patrimonio umano e professionale di cui sono depositari i nostri anziani”.

 

Il Progetto Solidiamo

Anchise

Il progetto “Anchise” sarà attivo già da quest’estate. E’ rivolto agli anziani ed è articolato in corsi di formazioni per l’utilizzo di internet e dei social network, per favorire la comunicazione con le nuove tecnologie; in corsi di attività fisica ed educazione alimentare; in corsi di musica e ballo, per incrementare la socializzazione; nella formazione di operatori “over 60” che possano svolgere attività di supporto alle istituzioni comunali; nella realizzazione di viaggi culturali e di visite di istruzione per più giorni.


In particolare sono previsti:

  • Laboratori artistici di ceramica, pittura, intarsio ed arti visive  in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, che metterà  a disposizione quattro allievi istruttori di Frosinone.
    Spesa prevista: 8.000 euro per l’acquisto di materiale da dividere in due annualità e 1.600 euro come rimborso per i giovani allievi istruttori.

  • Corsi di alfabetizzazione informatica.
    Spesa prevista: 2.400 euro per l’acquisto di 6 computer e 1.600 euro come rimborso per gli istruttori.

  • Laboratori musicali in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Licinio Refice” finalizzati a fornire una cultura musicale di base e ad acquisire competenze nell’uso degli strumenti musicali.
    Spesa prevista: 1.600 euro come rimborso per i docenti.

  • Corsi di educazione alimentare, lingua straniera e scrittura creativa e cucito

  • Corsi di nuoto con giovani frusinati diplomati Isef.
    Spesa prevista: 1.600 euro come rimborso per gli istruttori

  • Viaggi culturali in musei, siti archeologici e monumentali.
    Visite guidate di due giorni per 350 unità a Napoli, Pompei, Ercolano, Perugia, Assisi, Tarquinia e Viterbo con una spesa prevista di 38.000 euro.

 

Progetto Solidiamo

FormAzione

Con il progetto “FormAzione”. Saranno erogate, a favore dei ragazzi della nostra città, ben 280 borse di studio all’anno.

In particolare, 80 borse di studio da 500 euro circa per gli studenti universitari, 100 borse di studio da 200 euro circa per i frequentanti le scuole medie inferiori e 100  borse di studio per alunni di scuola media superiore da 300 euro circa, per un investimento complessivo sulla cultura e sull’istruzione per i giovani della nostra città di circa 90.000 euro.

Inoltre saranno coinvolti giovani disoccupati e precari, in attività lavorative di formazione legate al progetto Anchise.

Sarà fissato un tetto di reddito calcolato sul quoziente familiare, in quanto tale forma di solidarietà sarà indirizzata, prevalentemente, in favore delle famiglie maggiormente esposte all’attuale crisi economica, ma che non vogliono rinunciare alla possibilità del proprio miglioramento sociale attraverso l’investimento sulla cultura dei propri figli.



Con le deliberazioni di giunta e di consiglio comunale, con cui si è proceduto al taglio ufficiale del 50% delle indennità di sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale e dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali, si è scritta una pagina storica nella vita istituzionale e sociale della città di Frosinone.

iconaDeliberazione Giunta Comunale

iconaDeliberazione Consiglio Comunale

 

 

News Correlate

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Frosinone è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it