Comune di Frosinone

Proverbi Frusinati

venerdì 25 maggio, 9:18 am
Città di Frosinone - canale segnalazioni Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Seguici su google plus Entra nel nostro canale YouTube
Proverbi Frusinati
Home » Vivere la città » Frusna Frusino » Ricordando » Proverbi Frusinati
Freccia Chiara

Proverbi che riguardano la metereologia e i periodi dell’ anno
Gennare, glie pèsseme i gli amàre

Sant ‘Antònie ‘che la barba bianca, se nen chiòu la neu nen manca.

Febbraréglie cùrte cùrte è glie mièglie o glie pegge de tutte.

Alla Cannelòra, ò fiòcca ò chiòue, glie ‘mmièrne è dafòre, ma se chiòu i tire viente aglie ‘mmiérne stàme dentre.

Agoste è cape de ‘mmierne.

Sant’ Andréa lèua glie pranze i mitte la céna.

Se chiòu glie giorne de Santa Bibbiana chiòu pe’ quaranta giorne i ‘na settemana.

A Santa Lucìa la dì s’ allònga ‘ ne passe de caglina, a Natàle ‘ne passe de cane, a Sant’ Antònie ‘ne passe de cauàglie.

Prima Natàle né fridde né fame, dòppe Natàle fridde i fame.

A Pasqua a’gni pueta abbùsca, a’gni morte de fama se ne casca.

Natale ‘che glie sole, Pasqua ‘che glie tizzone

Aria roscia, ò chiou ò sciòscia.

Quanne uà nùule alla uìa de Roma, attacca glie bòu alla magnatora.

Gira che te reuota è sabbete n’atra uota.

Chiou fine fine i freca glie cuntadine.

‘Che glie tiempe i ‘che la paglia se maturane le nespele.

N’aria de foche è bona tutte tiempe.

Fa chiù leste glie tiempe a cagnarse che la femmena a spugliarse.

Aria Fummeca foche, aria sturbeca stommeche.


Proverbi sulle condizioni della vita umana e sulle norme da seguire
Capiglie i guaie nen finiscene maie.

Le sa glie cupierchie chelle che ce sta dentre a la pignata.

Gli pariente so’ gli diente.

Gli quatrine fau abballa glie sorge.

Glie porche è bone n’anne gli’amice so’ bone sempre.

Chi se uò magnà le pane papaline teda fa glie stommeche da cane

Addò manca, Die pruéte.

Male pe’ chi more ca chi remane se cunsola.

La fama caccia glie gliupe dalla tana.

Glie piatte i la scudella fau la figlia bella.

Glie cannarile è stritte ma c ‘entra la casa ‘che tutte glie titte.

Pane, uine i prusciutte, l’aria è bona pe’ tutte.

Quanne alle case nostre ce chiòu a chelle degli’atre ce ruèrsa.

Chi me battezza m’è cumpare.

Gl’occhie de glie padrone ‘ngrassa glie cauaglie.

Male nen fa i paura n’aué.

E’ mieglie nà malcrianza che ‘ne dulore de panza.

Chi gira allecca i chi s’apponta se secca.

Chi magna da sule se storza i chi magna ‘n cumpagnia nen s’attrippa.

Fà male i pensa, fa bene i scorda.

Quanne so’ troppe caglie a cantà nen se fà mai giorne.

La paglia ucìne alle foche s’appiccia.

Meè fa la pecura, i glie gliupe se la magna.

Se te uo’ fa une nemiche prestece gli quatrine.

Gli quatrine degli’auare se glie magna gli sciampagnone.

Attente agli peducchie racciecciàte!.

Ome de uine ‘ne uale ‘ne quatrine.

Nen fà male ch’è peccate, nen fà bbene ch’è sprecate: se faie bene agli’uttre se ne scordene, se fai bene agli uecchie se morene.

Uache a uache s’enghie la pignata.

So’ gli puce i pure tieu la tossa.

Addo’ nen ce stà glie guadagne la remessione è certa.

Chi amministra ammenestra.

Anne, i bicchiere de uine nen se contene mai.

Chi de speranza vive desperate more.

Quande sie’ martieglie batte,quande sie’ ‘ncutena statte.

Le magnà i le beu me resana, la troppa fatica me cunzuma.

Chi caglina nasce, ‘ntèra ruspa.

Cule che n’ è uista mai camicia, quande la porta se scummerda.


Proverbi sulla donna, la famiglia, il matrimonio
Attacca la crapa alla uigna, chelle che fà la mamma fà la figlia.

Chi ne tè una (di figlia) la male sventura, chi ne tè sette bene l’assesta.

Sposa settembrina presto vedovina.

Donna baffuta sempre piaciuta.

Pizzeche i bace nen fau buce.

Tira chiù ne pile de cucca che ciente para de bou.

Gl’ome è ome, addo’ appicca glie cappieglie stà bene.

Lassa pane i forne ardente i curre alla donna parturènte.

A chi nen tè figlie, nen ce ì nè pe’ piacere nè pe’ cunsiglie.

Porce i figlie , accome gl’auizze tiettìglie.

Pile rùsce i cane pezzate sbattiglie ‘ntèra appena nate.

Spàrte palazze ch’addùenta cantone.


Altre espressioni proverbiali e modi di dire
Frusenone tè la porta penta, triste chi c’èscie i biate chi c’entra.

E’ mieglie Frusenone rebelle che Anagne ‘n pace.

Anagne se nen purte nen magne.

Quanne Fumone fumeca tutta la tèra trema.

‘Nà botta aglie circhie i nà botta alla botte.

A lauà la ciocca agli’asene ce se remette tiempe i sapone.

Uà a fà bene agl’asene ca te spara cauce n’faccia.

Le fratte nen tenne le recchie i glie diaule ce le mette.

Glie sasse che nen è bone a murà è bone a renchì.

Attacca gl’asene addo’ uò glie padrone.

La lengua nen tè l’ossa, ma le rompe.

L’acqua fà male i le uine fà cantà.

Caglina che nen pippa è pippate.

Morte nen uenga i guaie ‘che la pala.

N’cima pimpe pimpe i sotte cince cince.

N’cima a le cotte l’acqua buglita.

La caglina fà gl’oue i aglie caglie ce ‘ncènne glie cule.

Gl’asene porta la paglia i gl’asene se la remagna.

Chelle che ne ‘ntorza ‘ngrassa.

Tu chiagne glie morte i friche glie uìue.

Tiè gli pile aglie core.

Glie chiù pulite tè la rogna.

Addo’ arriua ce pianta glie pezzuche.

So le muntagne i pure se ‘ncontrene.

Tre so’ gli chiù putente, glie papa, glie re i chi nen tè niente.

Apperciò glie uiecchie nen se uleua murì maie.

Gli accetente so’ accome le foglie: chi gli manna gli raccoglie.

Asse de coppa se nen parla scoppa.

(La serpe Cecilia) Se tenesse gli’ occhie delle surella(la vipera), faciaria cascà g’ome dalla sella.

A chi c’è muccecate la serpa, t’è paura pure de la lancèrta.

Se aglie porche ce mìtte la pelliccia, sempre porche remane.

Chi prima nen penza doppe suspira

Glie ‘mbriacone è accome aglie cucule: glie giorne è bone bone, la notte canta sule

Chi salvietta lega, salvietta scioglie.

E’ mieglie a laurà cu chi ‘nte paga che cu chi capisce.

Uiente nen tira i albere se ‘ntrondene

Chi è chiù pazze Carnuale o chi ce uà appresse ?

Femmena che mòu l’anca uò la carne addo’ ce manca.

A magnà chi magna magna, a béu tante petò.

Senza quartine nen se canta messa

La robba che piace aglie cappellane nen esce da glie cunvente.

‘N tiempe de carastìa è bone pure le pane de veccia

A casa de sunatore nen se portene serenate

Chi nen tè bona mente teda tené bone sambe

Chi s’ammesura dura

La catta presciolosa facì gli cattùce cieche.

Corpe satùlle nen crede agli’affamate

Le troppe stroppia

Vale chù ‘na recula che ‘na rendeta

E’ mieglie ‘na trista mesata che ‘na bona giurnata

Nen sputà pe’ ll’aria ca te reuè ‘n faccia

Glie scialone è scialate sempre

La neu marzelina è dalla sera a la matìna

Da ‘n avare ce po’ avé caccola ma da ‘ne jotte no..

La crapa fa la crapetta

Adagie mierglie ca la fratta è longa.

Chi nen po’ tuccà la padrona s’alliscia glie cane…

Se gli maccarùne nen so’ auanzate allora nen ènne abbastàte.

Agli’aucàte raccontacela dritta ch’a storcela doppe ce penza isse.

A chi troppe s’abbassa ce se uede glie cule.

Quanne glie diaule t’allìscia uò l’alma

Chi te ‘nvita a magnà cent’anne pozza campà

Addo’ se chiude ‘na porta s’apre ‘ne purtone

Chelle che nen uè ‘cu ‘n anne uè cu ‘n ora

La robba nen la ittà ca nen te jetta

Dicì glie uerme alla noce: tiempe ce uò ma te sbùce

Nen so’ pe’ gli’asene gli cunfiette i manche le mela rosa pe’ gli porce

Sie’ remaste accome aglie cucule: uoce i penne

A ‘gnune l’arte sea i glie gliupe a le pecura

Sie’ truàte Criste a mète i S.Pietre a recòlle

Chi uò gli Sante che se gli preca..

Gli quartine degli ‘nfinferifì se ne uànne ‘cu gli ‘nfinferifà

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Frosinone è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it