Comune di Frosinone

Parole

lunedì 21 maggio, 11:17 am
Città di Frosinone - canale segnalazioni Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Seguici su google plus Entra nel nostro canale YouTube
Parole
Freccia Chiara

Frosinone nella poesia.

Una breve antologia ragionata curata da Alfonso Cardamone.
Stralci di versi, in italiano ed in dialetto.
Autori noti e meno affermati.
La nostra Città raccontata dai poeti.


VOCE PAISANAdi Paolino Colapietro

Tu cante glie sturnelle alla ciuciara sciacquènne le lenzòla ‘n cante Cosa,
nen va chiù l’acqua abballe ma s’apposa
Nen canta chiù glie gaglie ‘mmiese all’ara,
nen muglia chiù la bufala bavosa,
‘nfenenta la cicala s’arreposa
‘n cima alla cércia accante alla pagliara.
Glie munne tante vòte so girate,
de gente ne so ‘ntisa tanta tanta
ma voce fine a mo nen so truvate
che come a chéssa terra i ciele ‘ncanta:
'sa voce che glie còre fa biate
è voce paisana, è voce santa.

 

PALUMMELLE AGLIE TUFACCEdi Paolino Colapietro

‘Mpunente, come viecchie patr’abbate,
denanze a tante cucchie sunnacchiuse,
doppe trent’anne, forse chiù che mene,
iterza sò reuiste glie Tufacce.
Tutte le stesse cose de ne giorne
denanze agli occhi mie so reuiste.
Recanta lamentosa la cascata
la uecchia cantelena paisana…

 

LE FUNTANELLEdi Giuseppe Alessio Di Sora

Da tante nen me bèue l’acque teia.
Me n’esce ‘n’occhie de reunirte a tròva,
t’urrìa sta ‘sentì matina i sera,
com’aglie cucchie che te fàu curona!

 

MUREAdi Ercolemarino Martire

Mentre glie sole allampa
alla cuntrora,
all’Alberata
cummànna la muréa
che le piante
retràttene a catena
pe’ la ‘uìa.

 

IMMAGINE PER STRADAdi Alfonso Cardamone

non mi dispiacque incrociare a mezze scale
la ferita crepuscolare delle labbra
gli occhi declinanti come lune
oscure sopra l’evanescente schiuma
chiara dell’accidia che il giorno frange
e poi ritrae
(il riferimento è a Via Colle S. Pietro )

 

A FRUSINOdi Domenico Ricciotti

O Frusino aspra,
Frusino forte,
terra di vita
nella mia anima,
e terra di morte,
quando ritorno
al tuo campanile,
ormai straniero,
parmi sognare
e forse vedere
tutti i miei avi,
nelle lor case
e nelle tue chiese,
che furon distrutte
e furon macerie.
Ma nel respirare
quest’aria di casa,
sopra la rupe
e davanti all’ara,
ritorno a un passato
che non sarà più!

 

NDO' STA LA CIUCIARIAdi Giuseppe Alessio Di Sora

Ndò sta la Ciuciaria de ‘na uota?
Chelle viuzze strette, le scalette,
gli uase cu le canne a la luggetta
chiene de campanelle atturcegliate?

 

DUMANE E' LA BEFANAdi Giuseppe Vivoli

Da fore, n’acqua i uiente! Glie lampione
pareua ca se fussere ‘mpazzite;
vulavene l’ombrella a ‘gni cantone
de mane a le persone ‘nfreddulite

 

L'OMBRA DI MNEMOSINEdi Alfonso Cardamone

più che nel calore che atterra
le ginocchia il senso dell’estate
sta in certi odori di vicoli in penombra
che emanano da altri tempi e altri
spazi e di sisifo ignari alle fatiche
di passi lenti e di controra sanno

 

GLIE CHIU' RICCHEdi Paolino Colapietro

…………«Sì, faciate,
mettate case nòve i culturate,
do’ stévene macère ‘che le rolle,
criate gli villine recamate,
renchiate de palazze chisse colle,
ché i’, quande me trove pe’ “Glie Quarte”
m’apponte, jètte gli occhi da ste parte:
nen sacce s’è le tie o s’è le sie,
sacce ch’è bieglie ste paese mie.»,

 

GLIE FAONEdi Massimo Sergio

È scure, i tutte staue sitte:
mò ‘ncumenza. Essene une, mò n’atre,
‘n’atre ancora i dope s’appiccene
all’araùglia; miese pe’ le macchie,
‘ncim’a glie colle, pe’ le ‘mpiane.

 

LA GLIBBERAdi Ercolemarino Martire

Te gurdarìme dalla fenestrella
‘nche la ‘nferiata nera aruzzenita,
mentre la plòura
facèua zengheliò ‘ncima agl’Altare,
dentre a ‘na spèra de sole
fina fina.

 

SENZA TITOLO
da LA VITA E' UN'ALTRA COSA
di Alessandro Spaziani

Mi fermavo spesso
a guardare la città
dal viadotto.
Macchine e palazzi,
palazzi e macchine.
Passava Carmine il pazzo
con la borsa
e i suoi garofani
di plastica
bestemmiando il mondo.

 

CIOCIARIAdi Vittorio Antonucci

Frosinone s’adagia in cima al colle
e le accresciute membra al pian protende,
sino al declivio della sponda verde
che con carezza tenue il Cosa bagna…
 

Condividi questo contenuto

Contenuti in questa pagina

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Frosinone è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it